Cin Cin – Brindiamo alle Carni 1

Cin Cin
Brindiamo alle Carni
"Il vino è uno dei maggiori segni della civiltà del mondo"
(Ernest Hemingway)
Enotria Tollis. Non è il nome di una località balneare esotica ma la denominazione con cui gli antichi appellavano la penisola italiana. Significa "Terra del vino", e questo la dice lunga sulla secolare generosità delle nostre viti e sul nostro innato talento nel produrre vini di qualità superiore. Passeggiando a ritroso nel tempo scopriamo l'importanza del vino anche dal punto di vista storico-culturale. Nell'antichità il vino era considerato dono degli Dei, mentre la vigna simboleggiava la presa di possesso di un territorio da parte di una tribù, e segno dell'approssimarsi di una casale o un villaggio. Noè stesso, come sottolineano le Sacre Scritture, uscito dall'Arca piantò una vigna per esternare la volontà di creare un nucleo stabile. E in questo contesto, inutile sottolineare la frequenza con cui il vino viene citato nella Sacra Bibbia, e l'importanza che ha assunto anche dal punto di vista simbolico nella liturgia cristiana. Nel Medioevo furono proprio i monaci ad incentivare la produzione del vino: la scelta del luogo per un nuovo monastero dipendeva dalla presenza di un terreno favorevole alle vigne. La produzione doveva essere abbondante, sia per la Messa, sia per i pellegrini di passaggio che chiedevano ospitalità.
Nel Veronese già quel in periodo c'era una grande varietà di vitigni: la differenziazione avveniva tra il vino de plano (di pianura) e quello de monte, considerato più pregiato e costoso. Anche nelle nostre zone, fu proprio l'interesse del Clero e dei grandi proprietari terrieri ad elevarne il livello qualitativo, e a favorirne la distinzione a seconda della zona di produzione e dei metodi di vinificazione.
Oggi come oggi, possiamo affermare che gli elementi che concorrono alla qualità del vino sono il terreno, il vitigno, il clima e l'uomo. Il vitigno rappresenta la qualità potenziale del vino di cui il terreno ne estrinseca il tipo, il clima ne apporta la variabilità, l'uomo ne realizza l'eccellenza. Il terreno vanta comunque caratteristiche costanti nel tempo, ed è l'elemento sul quale meno incide l'azione dell'uomo. Ecco perchè possono variare i vitigni, le annate, le tecniche di coltivazione, ma il carattere del vino ottenuto da un deteminato terreno rimane la principale garanzia di qualità. E a tal proposito, ringraziamo Madre Natura di aver fornito alla nostra Provincia territori brillanti e generosi, al punto da donarci vini straordinari e inimitabili, apprezzati in tutto il mondo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi